Leone di Venezia

Venezia Sailing Navigare a Venezia
- Navigare e sognare nell'alto Adriatico e nella Laguna di Venezia -
- Venezia - Chioggia - Delta del Po - Caorle - Lignano - Grado - Istria - Dalmazia -

Home <<
Navigare in mare
Navigare in laguna
Fare una crociera
Noleggiare una barca
Attività subacquee
Cartografie
Racconti di mare
Chi siamo - Contatti


LE NUOVE PAGINE PER ORGANIZZARE LA VOSTRA CROCIERA - VACANZA IN BARCA

Fare una crociera:


Sito ottimizzato per risoluzione 1024x768.
METEOROLOGIA

Come già ricordato l’alto Adriatico ha diverse caratteristiche specifiche che ne condizionano anche la meteorologia locale. Principalmente ricordiamo:
- la particolare e asimmetrica orografia del territorio circostante che tende a condizionare la direzione dei venti su assi preferenziali;
- le piccole dimensioni del bacino, che lasciano un ampio fetch solo ai venti sciroccali;
- la poca profondità che ne limita il volano termico, con temperature dell’acqua basse d’inverno e alte d’estate;

VENTI

Il primo fra i punti sopra richiamati condiziona il regime dei venti ad incanalarsi prevalentemente da SE o da NE, in particolare sulla costa italiana. Su quella croata si presentano anche venti da SW in apertura di maltempo e da NW in chiusura ma raramente soffiano con forte intensita’.

I venti da SE sono tipici degli scenari ciclonici centrati sul bacino del mediterraneo, soprattutto invernali e raggiungono intensità anche elevate sull’Adriatico ma in progressiva attenuazione via via che ci si sposta verso nord. Pero’, lambendo il mare per oltre 700km. e soffiando a volte per giorni e giorni, possono generare onde importanti. Sono pero’ queste condizioni ampiamente prevedibili e che non possono cogliere di sorpresa il navigante.

Il vento da NE (bora) e’ tipico della zona e puo’ generarsi in condizioni molto diverse fra loro, in quanto forzato in questa direzione dall’orografia del bacino. Si ha bora di maltempo (scura) nella seconda fase del transito di un sistema frontale atlantico o in presenza di una saccatura sui Balcani. Si ha bora secca (chiara) in diverse situazioni nelle quali un gradiente innesca un vento settentrionale o orientale e questo viene poi alimentato dalla “caduta” dell’aria fredda dell’altopiano carsico che sostituisce il cuscino caldo sul mare. La bora, nelle sue varie specificità, è spesso forte, a volte tempestosa e può passare in pochi minuti da 5 a 40 nodi. Chi non lo ha provato stenta a crederci! Non è esattamente prevedibile un colpo di bora, ma lo sono le condizioni in cui è atteso, quindi un comportamento prudente dovrebbe mettere al riparo, quantomeno da sorprese.

La costa occidentale è completamente esposta alla bora mentre quella orientale offre ridossi con mare piatto ma spesso flagellati da venti di caduta anche violenti. Vi sono anche specifici tratti di mare (canale di Velebit, Canale di Zara, golfo del Quarnaro) dove locali effetti venturi causano un ulteriore rinforzo del vento, tale da impedire qualsiasi navigazione. La bora, a causa del fetch limitato, non genera onde altissime (raramente oltre 2,5 mt nelle zone sud occidentali, meno altrove) ma ripide e vicine. La navigazione contraria, di conseguenza, può essere problematica.

Con bel tempo e campo livellato i venti seguono un regime di brezza costante e prevedibile con intensità che possono raggiungere i 15 nodi da SE sulla costa italiana fra la primavera e la prima parte dell’estate, per poi attenuarsi con il riscaldamento del mare ed esaurirsi del tutto a inizio autunno quando il mare è piu’ caldo della terra.

TEMPORALI

Altra caratteristica del bacino è l’elevata frequenza di fenomeni temporaleschi, la maggiore dei mari italiani, circoscritti in massima parte nel semestre estivo. L’elevata temperatura del mare ed il contrasto con masse d’aria continentali anche fredde, può generare temporali anche imponenti con colpi di vento veramente pericolosi. E’ bene non sfidarli e, se in prossimità, cercare di fuggirli, evitando di avere terra vicina sottovento.

NEBBIA:

l'estate ne è quasi esente ma nelle stagioni intermedie e in inverno il fenomeno è frequente e importante. E’ meglio evitare di navigare in caso di nebbia, ma se si viene sorpresi, scandaglio, carte dettagliate, corno, e certezza della posizione sono indispensabili. Anche i nautofoni, presenti in vari punti cospiqui della costa, sono d'aiuto, purchè ci si abitui a riconoscerli. Disponendo di GPS sarebbe utile prepararsi preventivamente delle procedure di atterraggio accurate. In ultimo, chi naviga abitualmente in zona, dovrebbe considerare l'acquisto del radar.

PREVISIONI:

Oggigiorno la disponibilità di previsioni meteorologiche specifiche è in grado di rispondere completamente alle esigenze del navigante. Diamo cenno delle migliori risorse disponibili per la navigazione in alto Adriatico:

Radio VHF:
Il servizio continuo automatico ufficiale italiano è disponibile 24h sul canale 68 e diffonde il bollettino del mare completo a 12+12h. I suoi punti di forza sono la buona copertura e la trasmissione continua, in italiano e inglese. La qualità dei contenuti non è sempre all’altezza della fonte ed è quella tipica dei servizi ad alto grado di automazione. Anche i servizi ufficiali croati trasmettono un bollettino a 12+12h ogni 15 minuti in 4 lingue sui canali 67-69-73 secondo le zone. La copertura e l’affidabilità della trasmissione non sono buone; la qualità della previsione si.

Internet:
Per l’area veneta è disponibile una previsione a tre giorni emessa quotidianamente dall’Arpa Veneto alle ore 13. (Arpa Veneto - bollettino) La qualità della previsione, pur non essendo direttamente destinata alla navigazione, è ottima.

La stessa fonte diffonde anche le previsioni marine denominate Adriamet comprensive di tavole sinottiche di previsione del vento e di altri elementi a tre giorni in intervalli di 6h. (Adriamet: previsioni) Anche in questo caso si tratta di servizi di qualita’ ottima.

Il servizio meteorologico croato diffonde anche attraverso internet lo stesso utile bollettino a 12+12h , uguale a quello trasmesso per radio.

Anche l'istituto croato offre una previsione del vento al suolo e di altri elementi (Aladin) articolata in tavole sinottiche, in tutto simile a quella italiana precedentemente descritta.


-Note generali -Rotte -Porti e approdi -Pericoli -Meteorologia -Dogana e confini

la foto di skipper stefano
è con te per:

- preparare una vacanza in barca;
- organizzare una crociera con famiglia o amici;
- noleggiare una barca dove vuoi tu;
- migliorare le tue capacità marinare;
- ottenere il massimo dalla tua barca;
- seguirti in un piano di gestione della tua barca;
- scoprire posti da sogno: Venezia e la sua laguna, l\'Istria, il Quarnaro, le Incoronate...

LA BIBLIOTECA DI VENEZIA SAILING
Il nuovo libro degli Ormeggi e delle Manovre in Porto.

Libro ormeggi manovre Ormeggiare la barca dopo la giornata in mare non sara' piu' un incubo.

Tutta la tecnica e le astuzie di uno skipper esperto raccolte in questo manuale che approfondisce ogni aspetto teorico e pratico delle manovre.

Disponibile Stampato e E-Book,
con anteprima gratuita.


LA CARTA ELETTRONICA DELLA LAGUNA DI VENEZIA

Laguna di Venezia di Venezia Sailing Per gli amici di Venezia Sailing è ora disponibile al downloading gratutito una carta elettronica della laguna veneta.


IL MINITONNER RIVETTO

miniatura minitonner rivetto Una barca ormai d'altri tempi, ma ancora bellissima e vincente. Solo per veri appassionati...